Dimentica per due mesi l’assorbente interno: ora rischia di morire

Ha dimenticato per due mese l’assorbente interno e adesso le conseguenze hanno ridotto la ragazza in fin di vita. Cosa è accaduto?

E’ una storia che ha davvero dell’incredibile e che riguarda la vita di una giovane ragazza che ha dimenticato per due mese l’assorbente interno e adesso sta lottando tra la vita e la morte in ospedale.

Assorbente
Assorbente Notizie.top

Ha avuto uno shock tossico la giovane Kelsey Foster, 29 anni, che ha sempre usato questo metodo ritenendo che fosse quello giusto per potersi proteggere, senza mai pensare che potesse ridursi in questo modo, lei che è anche madre di un figlio.

“La cosa principale che voglio far capire è che parlare di ciclo non dovrebbe essere vergognoso”, ha detto Kelsey e ancora: “C’è molta vergogna e stigmatizzazione attorno a qualsiasi discorso sul ciclo mestruale e significa che condizioni come la sindrome da shock tossico semplicemente non vengono discusse. È una condizione a rischio della vita e il tuo corpo può crollare nel giro di 24-48 ore. Non è uno scherzo. Dobbiamo rimuovere la vergogna di parlare di ciclo, assorbenti e tutto ciò che riguarda il ciclo mestruale. Lo shock tossico è reale, è mortale ed è molto più comune di quanto pensiamo”.

Assorbente interno dimenticato per due mesi: la giovane è in shock tossico

Insomma la giovane che già negli ultimi mesi per altri motivi, sempre legati alla sua salute si era dovuta sottoporre a degli interventi e a dei ricoveri di urgenza, adesso si trova nella condizione di lottare per la sua vita a causa di un assorbente interno dimenticato per due mesi.

“Sono entrata e uscita dall’ospedale cinque volte negli ultimi due mesi per forti crampi e dolori. Si è scoperto che avevo dei calcoli biliari e poi la mia cistifellea è crollata. Anche il mio fegato mostrava segni di irritazione. Stavo aspettando l’intervento chirurgico e gli esami. Un giorno, sono andata in bagno e ho sentito qualcosa scivolare in me. Pensavo fosse solo un altro coagulo di sangue, cosa che mi succede spesso. Ma era un vecchio assorbente. Sono rimasto assolutamente scioccata. Non potevo crederci”. Queste sono state le parole della giovane che adesso sta cercando di risolvere la questione, ma che dall’ospedale fa sapere di trovarsi in una condizione di rischio per la sua vita.

Per chi non lo sapesse, la sindrome da shock tossico è una malattia grave che viene causata dal rilascio di tossine nel nostro flusso sanguigno: poi le tossine causano sintomi di shock che sono:

Brividi improvvisi di febbre alta, dolori muscolari e altri sintomi simil-influenzali

Nausea e/o vomito

Diarrea acquosa

Eruzione cutanea simile a una brutta scottatura solare o punti rossi sulla pelle

Vertigini, stordimento o svenimento

Bassa pressione sanguigna (ipotensione)

Rossore agli occhi (congiuntivite) e alla gola

Desquamazione della pelle sulla pianta dei piedi o sui palmi delle mani